Violenta aggressione di un cittadino del Bangladesh a Terracina

Violenta Aggressione Di Un Cit Violenta Aggressione Di Un Cit
Violenta aggressione di un cittadino del Bangladesh a Terracina - Gaeta.it

Alla cronaca di Terracina, una violenta aggressione ha scosso la cittadina italiana il 20 maggio 2024. Un cittadino del Bangladesh, con diversi precedenti penali, è stato arrestato per violenza, resistenza, minacce e lesioni a danni di agenti di polizia.

Segnalazione di comportamento sospetto

Nella tarda mattinata del 20 maggio, una chiamata al numero di emergenza 112-Nue ha segnalato la presenza di un uomo di origine straniera che si stava denudando in un parco cittadino di Terracina, dove si trovavano donne e bambini. La situazione ha richiesto l’intervento immediato della volante del Commissariato di Terracina.

Confronto violento con gli agenti

Sul posto, gli agenti hanno individuato l’uomo descritto sdraiato su un muretto in pietra non lontano dalla fontana della piazza. Alla richiesta di identificarsi, l’uomo ha reagito in modo irrispettoso e provocatorio, cercando di zittire gli agenti e mostrando un atteggiamento ostile.

Arresto e resistenza

L’uomo, ritenuto pericoloso, ha tentato di sfuggire al controllo degli agenti aggredendo uno di loro. Nonostante i ripetuti tentativi di opporre resistenza, gli agenti sono riusciti ad ammanettarlo. Durante l’arresto, l’uomo ha proferito minacce sia in italiano che in inglese, aggiungendo tensione alla situazione.

Precedenti penali e lesioni riportate

Successivamente, è emerso che l’uomo aveva diversi alias e precedenti penali per violenza e resistenza. L’agente aggredito è stato trasportato in ospedale, dove è stato valutato guaribile con una prognosi di 20 giorni a causa delle lesioni riportate durante l’aggressione.

Procedimento giudiziario

Dopo la valutazione della Procura della Repubblica, il cittadino del Bangladesh è stato arrestato e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria per il successivo giudizio direttissimo. È importante sottolineare che l’accusa non equivale a una condanna e che le prove verranno valutate nell’ambito del processo legale secondo le norme dell’ordinamento giudiziario italiano.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *