“Doppio intervento nel X Municipio per rimuovere rifiuti e potature dai canali, riducendo il rischio idrogeologico”

22Doppio Intervento Nel X Munic 1 22Doppio Intervento Nel X Munic 1
"Doppio intervento nel X Municipio per rimuovere rifiuti e potature dai canali, riducendo il rischio idrogeologico" - gaeta.it

Interventi contro il rischio idrogeologico nel X Municipio

Il Consorzio di Bonifica Litorale Nord ha preso provvedimenti per affrontare il rischio idrogeologico in due aree urbanizzate nel X Municipio. Il personale ha effettuato interventi su due canali dove erano stati abbandonati rifiuti e potature, mettendo a rischio il regolare deflusso delle acque.

Rimozione di ostacoli nel canale Bagnolo

Un primo intervento è stato eseguito nel sottopasso di via dei Romagnoli, via del Mare e via Ostiense sullo scolmatore del canale Bagnolo. Questo luogo era diventato un punto di scarico abusivo da parte di ignoti. Rifiuti e potature erano stati gettati, causando l’ostruzione del sottopasso e creando una situazione pericolosa con rigurgiti a monte e un pericoloso aumento del livello dell’acqua.

Il Consorzio ha ricevuto diverse segnalazioni riguardo a quanto stava accadendo nel canale. Grazie all’intervento degli operai, gli ostacoli sono stati rimossi e la funzionalità idraulica è stata ripristinata.

Eliminazione di ostacoli nel canale Dragoncello

Il secondo intervento è stato effettuato a monte dell’attraversamento stradale di via dei Romagnoli, sul canale Dragoncello. Qui, rifiuti e scarti di vegetazione rischiavano di ostruire l’inizio del tombinamento, causando problemi al deflusso delle acque.

“Grazie all’intervento tempestivo, siamo riusciti a eliminare gli ostacoli e garantire la libera circolazione delle acque, riducendo così i potenziali rischi idrogeologici nella zona”, ha commentato Niccolò Sacchetti, Presidente del Consorzio di Bonifica Litorale Nord. “Condanniamo fermamente l’abbandono di rifiuti di ogni tipo nei canali. Queste azioni, purtroppo troppo frequenti, rappresentano un segno di inciviltà grave e un vergognoso mancanza di rispetto per l’ambiente e il decoro pubblico”.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *