Tragedia nell’Atac: impiegato muore dopo caduta in fossa del deposito

Tragedia Nell'Atac: Impiegato Muore Dopo Caduta In Fossa Del Deposito Tragedia Nell'Atac: Impiegato Muore Dopo Caduta In Fossa Del Deposito
Tragedia nell'Atac: impiegato muore dopo caduta in fossa del deposito - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 3 Luglio 2024 by Laura Rossi

Un impiegato dell’Atac ha perso la vita a Tor Vergata, Roma, dopo essere precipitato all’interno di una fossa nel deposito dei bus. Il tragico incidente ha portato alla morte cerebrale dell’uomo, lasciando la comunità scioccata.

Il tragico incidente al deposito Atac

La tragedia si è consumata mercoledì 3 luglio, quando l’impiegato Atac è stato coinvolto nell’incidente fatale che lo ha condotto sull’orlo della morte.

Nella mattinata di quel giorno, il dipendente stava svolgendo le sue mansioni presso il deposito di Tor Vergata quando, per cause ancora da chiarire, è precipitato in una fossa utilizzata dai meccanici. L’uomo, di 63 anni, ha vissuto momenti di estrema angoscia dopo la caduta improvvisa.

Dipendente trasportato in condizioni critiche

La caduta dall’alto ha causato un impatto violento sulla testa dell’uomo, facendolo perdere conoscenza istantaneamente. I colleghi accorsi in suo aiuto hanno allertato prontamente i soccorsi, ma purtroppo ogni sforzo è stato vano.

L’impiegato è stato trasportato d’urgenza al Policlinico di Tor Vergata, dove i medici hanno diagnosticato la morte cerebrale dopo poco tempo.

Cordoglio e indagini in corso

Il sindaco Roberto Gualtieri ha espresso il suo cordoglio per l’evento tragico, mentre l’Atac si è dichiarata vicina alla famiglia dell’impiegato e pronta a collaborare con le autorità per fare chiarezza sull’accaduto.

Le indagini sono già in corso, con gli ispettori Spresal del Servizio Prevenzione e Sicurezza del Lavoro della Asl sul posto per determinare le cause dell’incidente e verificare eventuali responsabilità.

Sciopero Atac in memoria dell’impiegato

Nonostante la conferma ufficiale della morte non sia ancora giunta, politici, sindacati e colleghi piangono la perdita e hanno deciso di onorare la memoria dell’impiegato con uno sciopero di 8 ore il giorno successivo all’incidente.

Durante lo sciopero, previsto per giovedì 4 luglio, il servizio sull’intera rete Atac sarà sospeso per tutta la durata dell’azione sindacale. Una dimostrazione tangibile di rispetto e solidarietà verso l’uomo tragicamente scomparso.

Approfondimenti

    Il testo tratta della tragica morte di un impiegato dell’Atac avvenuta a Tor Vergata, Roma, in seguito a un incidente sul luogo di lavoro.

    1. Atac: Si tratta dell’Azienda per la mobilità del Comune di Roma, gestore del trasporto pubblico della città. Fondata nel 1909, l’Atac gestisce autobus, tram, metropolitane e ferrovie regionali, servendo milioni di passeggeri ogni anno.
    2. Tor Vergata, Roma: È un quartiere residenziale e universitario situato nella parte sud-orientale di Roma. È conosciuto soprattutto per l’Università di Roma “Tor Vergata”, fondata nel 1982.
    3. Roberto Gualtieri: È un politico italiano, membro del Partito Democratico. Attualmente, è il Sindaco di Roma. Prima di diventare Sindaco, è stato Ministro dell’Economia e delle Finanze nel governo Conte II.
    4. Spresal: È il Servizio Prevenzione e Sicurezza del Lavoro, una divisione dell’Asl (Azienda Sanitaria Locale). È responsabile di ispezioni e indagini legate alla sicurezza sul luogo di lavoro.
    L’incidente ha scosso la comunità, portando alla morte cerebrale dell’impiegato. Le indagini sono in corso per determinare le cause dell’incidente e verificarne le responsabilità. Il sindaco ha espresso cordoglio per la tragedia, mentre l’Atac ha promesso collaborazione con le autorità. In memoria dell’impiegato, è stato indetto uno sciopero di 8 ore sull’intera rete Atac come segno di rispetto e solidarietà.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *