Processo Codice interno a Bari: Emiliano e Decaro in aula

Processo Codice Interno A Bari: Emiliano E Decaro In Aula Processo Codice Interno A Bari: Emiliano E Decaro In Aula
Processo Codice interno a Bari: Emiliano e Decaro in aula - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 2 Luglio 2024 by Marco Mintillo

Antefatto dell’operazione Codice interno

La mattina a Bari è iniziato il processo davanti al Tribunale per 15 degli oltre cento imputati coinvolti nell’inchiesta Codice interno, rilevante operazione condotta dalla Dda e dalla squadra mobile di Bari che ha rivelato presunti intrecci tra mafia, politica e imprenditoria cittadina.

Parti civili accanto a Regione e Comune di Bari

Lo scorso 26 febbraio, l’operazione ha portato a 130 arresti, tra cui l’ex consigliere regionale Giacomo Olivieri, la moglie ed ex consigliera comunale Maria Carmen Lorusso, e il padre di quest’ultima, dell’oncologo Vito. Inoltre, ha determinato l’amministrazione giudiziaria di Amtab, la municipalizzata dei trasporti, per presunte infiltrazioni mafiose, specialmente nelle assunzioni. La richiesta di riti alternativi è stata avanzata per oltre 124 imputati, mentre i 15 coinvolti nel processo odierno hanno optato per il processo immediato. Altri 109 imputati, tra cui Olivieri, hanno richiesto il rito abbreviato, con l’udienza ancora da fissare.

Coinvolgimento nel calcio locale

All’udienza erano presenti il governatore della Puglia Michele Emiliano e il sindaco di Bari Antonio Decaro come parti dirette interessate, insieme al Comune di Altamura, l’Amtab e vari ministeri come parti civili. Anche la Figc ha presentato istanza per costituirsi parte civile nel processo.

Rinviata la discussione

Tra gli aspetti indagati figura il coinvolgimento in presunte combine durante le partite tra Corato e Fortis Altamura nel campionato di Eccellenza negli anni 2017 e 2018.

L’udienza è stata breve e immediatamente rinviata al 16 luglio alle 14.30, dopo che il presidente del collegio giudicante, Domenico Mascolo, ha richiesto l’astensione. Nella prossima udienza, il processo riprenderà dinanzi a un nuovo collegio, il quale si pronuncerà sulle richieste di costituzione a parte civile.

Questo resoconto si basa sui dettagli emersi durante l’udienza e confermati da fonti ufficiali.

Approfondimenti

    Personaggi famosi:
    1. Giacomo Olivieri: ex consigliere regionale coinvolto nell’inchiesta dell’operazione Codice interno.
    2. Maria Carmen Lorusso: ex consigliera comunale, moglie di Giacomo Olivieri.
    3. Vito: padre di Maria Carmen Lorusso e oncologo coinvolto nell’operazione Codice interno.
    4. Michele Emiliano: governatore della Puglia, presente all’udienza dell’operazione Codice interno.
    5. Antonio Decaro: sindaco di Bari, parte direttamente interessata all’operazione e presente all’udienza.
    6. Domenico Mascolo: presidente del collegio giudicante.

    Eventi storici/Avvenimenti:
    Operazione Codice interno: inchiesta condotta dalla Dda e dalla squadra mobile di Bari che ha rivelato presunti intrecci tra mafia, politica e imprenditoria cittadina.
    Arresti del 26 febbraio: durante l’operazione Codice interno sono stati effettuati 130 arresti, tra cui Giacomo Olivieri e Maria Carmen Lorusso.
    Coinvolgimento nel calcio locale: si indaga sul presunto coinvolgimento in combine durante le partite di calcio tra Corato e Fortis Altamura nei campionati di Eccellenza degli anni 2017 e 2018.
    Cose importanti:
    Bari: città principale dell’inchiesta Codice interno.
    Amtab: municipalizzata dei trasporti di Bari, posta sotto amministrazione giudiziaria per presunte infiltrazioni mafiose.
    Figc: Federazione Italiana Giuoco Calcio, si è costituita parte civile nel processo.
    L’operazione Codice interno ha avuto un impatto significativo sulla politica locale e sull’imprenditoria a Bari. Coinvolgendo personaggi di spicco come Giacomo Olivieri e Maria Carmen Lorusso, l’inchiesta ha svelato presunti legami tra mafia e istituzioni, portando a numerosi arresti e indagini approfondite. Il coinvolgimento nel calcio locale evidenzia la diffusione della corruzione in diversi settori della società. La presenza di figure politiche di alto livello come Michele Emiliano e Antonio Decaro dimostra l’importanza dell’operazione e la volontà di fare chiarezza su eventuali illeciti. La discussione rinviata indica la complessità dell’indagine e la necessità di un’ulteriore istruttoria per fare luce sui fatti emersi.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *