“Imprenditore accusato di omicidio: scelta in silenzio durante l’interrogatorio”

&Quot;Imprenditore Accusato Di Omicidio: Scelta In Silenzio Durante L'Interrogatorio&Quot; &Quot;Imprenditore Accusato Di Omicidio: Scelta In Silenzio Durante L'Interrogatorio&Quot;
"Imprenditore accusato di omicidio: scelta in silenzio durante l'interrogatorio" - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 5 Luglio 2024 by Elisabetta Cina

Antonello Lovato, imprenditore pontino, si è avvalso della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio in carcere riguardo all’accusa di omicidio doloso del bracciante indiano Satnam Singh.

La difesa di Lovato

Difeso dall’avvocato Mario Antinucci, Lovato ha scelto il silenzio di fronte al giudice e al pubblico ministero. Nonostante ciò, il legale ha potuto parlare brevemente con il suo assistito in una separata sede, riferendo che Lovato non si trova in buone condizioni di salute e teme per la sua incolumità in carcere.

Nuovi casi di sfruttamento emergono a Latina

Nella città di Latina, si registrano nuovi casi di sfruttamento del lavoro. I carabinieri hanno denunciato un cittadino del Bangladesh per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro in un’azienda dedicata alla coltivazione di okra. Durante un sopralluogo, è stato scoperto che i dipendenti erano soggetti a condizioni di lavoro disumane, rivelando paghe tra i 4 e i 7 euro l’ora e vivendo in condizioni precarie.

Mobilitazione della Cgil contro il caporalato

Il sindacato Cgil non smette la sua mobilitazione contro il caporalato, organizzando una manifestazione in Piazza della Libertà per sensibilizzare sull’importanza di combattere lo sfruttamento lavorativo. Il segretario generale Maurizio Landini interverrà per portare avanti il messaggio contro l’invisibilità e la precarietà dei lavoratori, sottolineando la necessità di garantire dignità e diritti fondamentali a tutti i lavoratori, ponendo fine allo sfruttamento e costruendo un futuro più equo e solidale.

Approfondimenti

    Antonello Lovato: imprenditore pontino coinvolto in un caso di omicidio doloso di un bracciante indiano di nome Satnam Singh. Lovato ha scelto di non rispondere durante l’interrogatorio in carcere, avvalendosi della facoltà di non autoincriminazione. È difeso dall’avvocato Mario Antinucci e secondo la sua difesa, Lovato si trova in cattive condizioni di salute e teme per la sua incolumità in prigione.

    Satnam Singh: bracciante indiano vittima di omicidio doloso nel caso coinvolgente Antonello Lovato. La sua morte ha portato all’apertura di un’indagine e all’arresto dell’imprenditore.

    Latina: città in provincia di Latina, nella regione del Lazio, in Italia. Menzionata nell’articolo in relazione ai nuovi casi di sfruttamento del lavoro.
    Bangladesh: paese citato nel contesto di un cittadino bangladese denunciato per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro in un’azienda agricola di Latina. Sottolinea il tema dello sfruttamento delle persone provenienti da paesi stranieri nella regione.
    Cgil: la Confederazione Generale Italiana del Lavoro, uno dei principali sindacati italiani. Descritto nell’articolo come protagonista di una mobilitazione contro il caporalato, organizzando una manifestazione per sensibilizzare sul tema dello sfruttamento lavorativo.
    Maurizio Landini: segretario generale della Cgil. Menzionato come figura chiave nell’organizzazione della manifestazione contro il caporalato a Latina, sottolineando l’importanza di garantire dignità e diritti fondamentali ai lavoratori e di combattere lo sfruttamento nel mondo del lavoro.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *