Fuggitivo a Formia: Carabinieri lo trovano e vengono attaccati

Fuga Dopo Speronamento Auto De 1 Fuga Dopo Speronamento Auto De 1
Fuga dopo speronamento auto dei carabinieri: inseguimento nelle vie di Formia - gaeta.it

Arrestato cittadino tunisino per evasione dagli arresti domiciliari

Lo scorso 11 dicembre, i militari del N.O.RM Sezione Radiomobile della Compagnia di Formia hanno arrestato un cittadino tunisino per il reato di evasione. L’uomo si era allontanato arbitrariamente da una Comunità di Formia, dove era sottoposto agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico dopo essere stato arrestato in flagranza di reato per furto con strappo nel comune di Terracina.

Ricerche e arresto

Le ricerche sono scattate nella serata dell’11 dicembre, quando i militari hanno effettuato un controllo per verificare il rispetto delle prescrizioni degli arresti domiciliari e hanno scoperto che l’uomo non si trovava nella comunità designata. I militari dell’Arma hanno quindi esteso i controlli su tutto il territorio della Compagnia di Formia, concentrandosi su locali come bar, centri scommesse e altre attività commerciali dove l’uomo poteva essere stato avvistato. Le operazioni, coordinate dal N.O.RM della Compagnia di Formia, si sono concluse la stessa sera, quando l’uomo è stato visto girovagare a Formia in compagnia di una donna.

Resistenza e liberazione

Durante l’arresto, l’uomo ha opposto resistenza cercando di colpire i Carabinieri con calci e pugni, ma è stato prontamente bloccato. La Procura di Cassino, in stretta collaborazione con i militari dell’Arma, ha disposto la sua liberazione in attesa della convalida dell’arresto. L’uomo è stato quindi riaccompagnato alla Comunità di Formia, dove era già sottoposto agli arresti domiciliari.

Questo arresto dimostra l’efficacia delle forze dell’ordine nel garantire il rispetto delle misure restrittive imposte ai soggetti sottoposti agli arresti domiciliari. La prontezza e la determinazione dei Carabinieri hanno permesso di individuare e arrestare il cittadino tunisino, assicurandolo nuovamente al regime degli arresti domiciliari. La collaborazione tra le autorità giudiziarie e le forze dell’ordine è fondamentale per garantire la sicurezza della comunità e la corretta applicazione della legge.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *