Cronaca: Denunciato cittadino per false attestazioni e possesso di armi a Formia

Cronaca Denunciato Cittadino Cronaca Denunciato Cittadino
Cronaca: Denunciato cittadino per false attestazioni e possesso di armi a Formia - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 10 Luglio 2024 by Marco Mintillo

Formia, 10 luglio 2024 – Nei recenti controlli effettuati dal Commissariato di Formia, un cittadino italiano del 1976 è stato denunciato per false attestazioni riguardanti la propria identità e per il possesso illegale di armi e oggetti pericolosi.

Falsa identità e armi illegali scoperte durante il controllo

Durante un normale posto di blocco, localizzato vicino al Centro di Preparazione Olimpica del CONI a Formia, l’uomo è stato fermato mentre si trovava al volante della sua auto. Risultato privo di patente e documenti validi, ha fornito agli agenti informazioni false riguardanti la sua identità. La sua condotta agitata ha spinto i poliziotti a condurlo presso il Commissariato per ulteriori accertamenti.

Perquisizione e scoperta degli oggetti pericolosi

Una volta giunti negli uffici della polizia, l’uomo è stato sottoposto a una perquisizione personale e il veicolo utilizzato è stato attentamente ispezionato. Durante la perquisizione, sono stati rinvenuti una mazza da baseball sotto il sedile del guidatore e un coltello a serramanico con lama lunga 6 cm, custodito nel vano portaoggetti. Entrambi gli oggetti sono stati sequestrati per disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Identificazione e precedenti penali

Dopo essere stato fotografato per identificazione, è emerso che l’uomo aveva un nutrito precedente penale. Di conseguenza, è stato denunciato per le false attestazioni sull’identità e per il possesso di oggetti pericolosi. La sua auto è stata sottoposta a fermo amministrativo per tre mesi.

Intensificazione dei controlli nel territorio

Questo episodio rientra nell’ambito di un piano mirato di controllo del territorio disposto dal Questore di Latina, soprattutto durante i fine settimana estivi. L’attività di verifica ha portato all’identificazione di 145 persone, di cui 25 con precedenti penali, e 62 veicoli.

Per garantire il dovuto rispetto per la presunzione di innocenza, si ricorda che un’accusa non equivale a una condanna e che è in tribunale che si formano le prove, con tre gradi di giudizio previsti dall’ordinamento giudiziario italiano.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *