Annuncio Ministro Valditara: Innovazioni nel Sistema Scolastico Italiano

Annuncio Ministro Valditara I Annuncio Ministro Valditara I
Annuncio Ministro Valditara: Innovazioni nel Sistema Scolastico Italiano - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 11 Luglio 2024 by Marco Mintillo

Il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha presentato importanti cambiamenti per la scuola italiana durante il convegno “La scuola artificiale – Età evolutiva ed evoluzione tecnologica” a Roma. Valditara ha introdotto diverse iniziative mirate a migliorare l’efficacia e l’esperienza educativa dei giovani studenti.

Divieto Smartphone: Focus sull’Apprendimento

Valditara ha emesso una circolare che vieta l’utilizzo degli smartphone a qualsiasi scopo, anche didattico, fino alle scuole medie, dall’anno scolastico successivo. Il ministro ritiene che l’uso dei cellulari non favorisca una corretta didattica a questi livelli, escludendo però l’uso di tablet e computer, da utilizzare sotto la supervisione dei docenti.

Ritorno al Diario Cartaceo: Scrittura Manuale

Una delle nuove direttive riguarda il reintegro del diario cartaceo, dove gli studenti annoteranno i compiti a mano, seguendo la tradizione passata. L’obiettivo è ridurre la dipendenza dal registro elettronico, incoraggiando la scrittura manuale dei compiti e mantenendo i genitori informati tramite il registro digitale.

Progetto Pilota sull’Intelligenza Artificiale

Valditara ha presentato un progetto sperimentale per il prossimo anno scolastico, che coinvolgerà alcune scuole nell’esplorare l’uso di assistenti basati sull’intelligenza artificiale. Gli obiettivi primari del progetto includono valutazioni sul miglioramento delle performance degli studenti, identificazione delle migliori pratiche, rispetto della privacy e supporto al corpo docente.

Valditara ha sottolineato l’importanza di evitare l’abuso dell’IA per compiti come fare i compiti al posto degli studenti. Ha anche annunciato un investimento di 450 milioni di euro dal Pnrr per la formazione dei docenti sull’implementazione di queste nuove tecniche e, in generale, sull’utilizzo responsabile dell’intelligenza artificiale nella didattica.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *