Scoperta di una maxi piantagione di cannabis a Pomezia

Screenshot 2024 04 16 161803 Screenshot 2024 04 16 161803

Pomezia, 16 aprile 2024 – Un’operazione accurata dei carabinieri della Compagnia di Pomezia ha portato alla luce una vasta piantagione di cannabis indica nascosta in un’area incolta di Santa Palomba, una località strategica nella zona industriale di Pomezia.

Intervento mirato contro la criminalità

Durante una missione di controllo straordinario, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pomezia hanno indagato su alcuni rimorchi di tir apparentemente abbandonati. La scoperta è avvenuta dopo accurati sopralluoghi e osservazioni prolungate, che hanno portato all’accesso diretto all’area. All’interno di questo terreno trascurato, gli investigatori hanno trovato non solo i rimorchi ma anche due strutture murarie che emanavano un intenso odore di marijuana.

Le scoperte all’interno delle strutture

Un’ispezione più dettagliata ha rivelato che entrambe le costruzioni erano state trasformate in piantagioni di cannabis completamente attrezzate, complete di sistemi di ventilazione, illuminazione e irrigazione. In totale, sono state trovate 280 piante di cannabis che raggiungevano un’altezza di un metro e mezzo. Ma non era tutto: all’interno dei quattro rimorchi abbandonati sono state scoperte altre piantagioni, con un totale di 720 piante in crescita.

Il sequestro e le indagini in corso

Il ritrovamento ha portato al sequestro di circa 800 kg di sostanza stupefacente in varie fasi di lavorazione, oltre all’intera area di ritrovamento. Attualmente, sono in corso indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Velletri.

Il principio di presunzione di innocenza

È importante ricordare che, secondo il sistema giudiziario italiano, l’accusa non costituisce una condanna. Tutti gli indagati hanno il diritto di difendersi in Tribunale, dove si formano le prove, e l’ordinamento prevede tre gradi di giudizio per assicurare un processo equo e imparziale.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *