Rintracciato busto in marmo del Principe Antonio Caracciolo Carafa

Rintracciato Busto In Marmo De Rintracciato Busto In Marmo De
Rintracciato busto in marmo del Principe Antonio Caracciolo Carafa - Gaeta.it

Introduzione:
A Minturno, i carabinieri hanno recentemente concluso delle indagini riguardanti il furto di un busto in marmo raffigurante il Principe Antonio Caracciolo Carafa, risalente all’epoca medioevale. Questo busto ha un passato travagliato e misterioso che lo rende oggetto di interesse e curiosità nel territorio.

1. Il ritrovamento del busto
Dopo aver subito il furto dal Castello ducale di Minturno, il busto era stato recuperato da un’anziana nella discarica di Monticello. Per anni era stato custodito presso l’Archeoclub “Minturnae” fino al recente trasferimento della sede, avvenuto il 29 marzo.

2. La scomparsa e il furto
Dopo il trasloco, è stata segnalata l’assenza del busto, inizialmente attribuita a problemi di tracciamento durante i lavori. Tuttavia, grazie alla segnalazione della presidente dell’associazione, sorella della donna che lo aveva inizialmente recuperato, i carabinieri hanno scoperto che si trattava di un vero e proprio furto, il secondo nella storia del busto.

3. Le indagini dei carabinieri
Dopo la segnalazione, i carabinieri di Minturno hanno avviato delle indagini per risolvere il caso del furto del busto del Principe Caracciolo Carafa. Attraverso accertamenti accurati, sono riusciti a ricostruire i dettagli del furto e a individuare i possibili responsabili, portando alla risoluzione del caso.

4. Il ruolo dell’Archeoclub “Minturnae”
L’Archeoclub “Minturnae” ha svolto un ruolo fondamentale nella custodia e nella valorizzazione del busto del Principe Antonio Caracciolo Carafa. Nonostante il furto e la scomparsa dell’opera, l’associazione ha continuato a promuovere la conoscenza e la conservazione del patrimonio storico-culturale locale.

5. La rilevanza storica del busto
Il busto del Principe Antonio Caracciolo Carafa rappresenta un importante pezzo di storia e cultura per Minturno. La sua scomparsa e il successivo ritrovamento evidenziano l’importanza di preservare e tutelare il patrimonio artistico e storico del territorio, affinché possa essere tramandato alle generazioni future.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *