Milano: Canoni di Locazione in Crescita, ma con Segnali di Rallentamento

Milano Canoni Di Locazione In Milano Canoni Di Locazione In
Milano: Canoni di Locazione in Crescita, ma con Segnali di Rallentamento - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 11 Luglio 2024 by Elisabetta Cina

Milano continua a far fronte a canoni di locazione elevati, sebbene il trend di crescita stia gradualmente rallentando, mostrando addirittura segni di arretramento in alcuni casi. Un’analisi condotta dal portale Idealista.it su cinque anni di dati ha rivelato interessanti tendenze legate all’andamento dei canoni nella città meneghina, influenzato anche dagli impatti del Covid sul mercato immobiliare.

Impatto del Covid sull’Andamento dei Canoni

Il protrarsi del blocco degli sfratti ha spinto molti proprietari ad evitare i contratti di locazione a lungo termine, preferendo orientarsi verso affitti brevi per garantirsi maggiore sicurezza economica. Questa scelta è stata motivata principalmente dalla necessità di assicurarsi un reddito costante, piuttosto che da una ricerca di maggiori profitti.

Rendimento degli Affitti Brevi a Milano

Durante la presentazione del rapporto immobiliare di Nomisma, è emerso che il rendimento lordo da affitti brevi per una casa ben posizionata a Milano può arrivare al 9,1%. Tuttavia, è importante considerare che tale rendimento netto subisce un significativo ridimensionamento, se si sceglie di affidarsi a servizi esterni per la gestione.

Dati sui Canoni di Locazione a Milano

Secondo i dati forniti da Idealista, nel periodo considerato il canone medio di locazione a Milano è aumentato da 18,9 euro al mese per metro quadrato a 23,1 euro, corrispondenti a circa un incremento di 300 euro mensili per un appartamento di 70 metri quadrati. È interessante notare che nel primo trimestre del 2024 si è registrata una leggera diminuzione di 20 centesimi al metro quadrato, in parte dovuta all’aumento dello stock di case disponibili, variabile ora tra i 10 e gli 11mila appartamenti.

Variazioni Nei Quartieri di Milano

I quartieri centrali come Duomo San Babila, Sant’Ambrogio e Carrobbio hanno mostrato incrementi significativi nei canoni di locazione, con percentuali di crescita che superano il 40%. Al contrario, aree come Città Studi, Chiesa Rossa e Greco hanno registrato aumenti minori, attestandosi intorno al 15%.

Tendenze del Mercato Immobiliare

L’analisi di HousingAnywhere ha confermato una lieve diminuzione dei canoni di locazione a Milano, in contrasto con il trend europeo di aumento. Tuttavia, resta il fatto che il costo medio di 1.600 euro al mese per 70 metri quadrati rimane una sfida per molte persone, soprattutto giovani in cerca di un’abitazione. Le prospettive di un’ampia riduzione dei canoni sono limitate, poiché gli investitori immobiliari si concentrano su categorie di investimento diverse da quelle residenziali, come studentati e residenze turistiche.

Prospettive Future

Al momento, non sembrano esserci segnali di cambiamenti significativi nella legislazione sulla locazione residenziale che possano portare a una riduzione generalizzata dei canoni a Milano. La questione dei costi elevati per l’affitto di abitazioni rimane pertanto un tema centrale e complesso da affrontare nel contesto attuale del mercato immobiliare della città.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *