Matteo Cozzani: revocati i domiciliari, ma le esigenze cautelari permangono

Matteo Cozzani: Revocati I Domiciliari, Ma Le Esigenze Cautelari Permangono Matteo Cozzani: Revocati I Domiciliari, Ma Le Esigenze Cautelari Permangono
Matteo Cozzani: revocati i domiciliari, ma le esigenze cautelari permangono - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 4 Luglio 2024 by Donatella Ercolano

La decisione del giudice Mario De Bellis riguardo alla revoca dei domiciliari dell’ex capo di Gabinetto della Regione Liguria, Matteo Cozzani, è stata basata sulle dimissioni dal suo incarico pubblico. Nonostante ciò, il giudice ha sottolineato la persistenza delle esigenze cautelari nel caso di Cozzani.

Le motivazioni del provvedimento

Il giudice ha evidenziato che le dimissioni di Cozzani dalla carica di capo di Gabinetto del Presidente della Regione Liguria sono significative, sebbene durante le intercettazioni l’ex funzionario affermi di mantenere un’influenza sulle decisioni della Pubblica Amministrazione anche dopo aver lasciato la carica.

Parere della pm Elisa Loris

La pm Elisa Loris, responsabile dell’inchiesta nella Spezia, aveva inizialmente considerato l’interdittiva come una misura efficace, ma il giudice ha valutato diversamente, ritenendo che Cozzani sia principalmente coinvolto come pubblico ufficiale corrotto.

Le misure cautelari attuate

Nonostante la revoca dei domiciliari, è stato imposto a Cozzani l’obbligo di dimora nel Comune di Genova per evitare che entri in contatto con individui legati ai reati contestati nella zona di Portovenere nell’ambito dell’inchiesta spezzina.

Valutazione del giudice De Bellis

Il giudice De Bellis ha argomentato che misure meno restrittive non sarebbero adeguate a prevenire il rischio di ricaduta nel reato da parte di Cozzani, confermando la necessità di mantenere una sorveglianza cautelare attiva.

[Fine della trasmissione journalistica]

Approfondimenti

    Mario De Bellis: Il giudice che ha preso la decisione riguardante la revoca dei domiciliari di Matteo Cozzani. Non sono disponibili informazioni aggiuntive su di lui in relazione a questo contesto.

    Matteo Cozzani: Ex capo di Gabinetto della Regione Liguria, coinvolto in un’inchiesta giudiziaria. Le sue dimissioni dal ruolo pubblico sono state decisive per la decisione del giudice riguardo alla revoca dei domiciliari.
    Liguria: Regione italiana di cui Matteo Cozzani è stato capo di Gabinetto. È situata nella parte nord-occidentale dell’Italia e ha come capoluogo Genova.
    Spezia: Città situata in Liguria, dove si sta svolgendo un’inchiesta giudiziaria che coinvolge Matteo Cozzani.
    Parere della pm Elisa Loris: La procuratore della Repubblica coinvolta nell’inchiesta a La Spezia che inizialmente aveva considerato l’interdittiva come una misura efficace. Tuttavia, il giudice ha valutato diversamente la situazione.
    Genova: Comune dove è stato imposto a Matteo Cozzani l’obbligo di dimora dopo la revoca dei domiciliari.
    Portovenere: Località situata nella zona di La Spezia, menzionata nell’ambito dell’inchiesta giudiziaria in cui è coinvolto Matteo Cozzani.
    La situazione descritta nell’articolo riguarda un caso giudiziario che coinvolge un ex funzionario pubblico e le misure cautelari adottate nei suoi confronti. La decisione del giudice Mario De Bellis di revocare i domiciliari di Matteo Cozzani è stata motivata dalle dimissioni di quest’ultimo dalla sua carica pubblica, nonostante siano emerse informazioni riguardo alla sua presunta influenza anche dopo aver lasciato l’incarico. La pm Elisa Loris inizialmente aveva considerato un’altra misura cautelare, ma il giudice ha deciso diversamente a causa del coinvolgimento di Cozzani come pubblico ufficiale corrotto. Questo ha portato alla revoca dei domiciliari e all’obbligo per Cozzani di restare nel Comune di Genova per evitare contatti con individui legati ai reati contestati nella zona di Portovenere. La decisione del giudice De Bellis di mantenere una sorveglianza cautelare attiva evidenzia la gravità della situazione e la necessità di misure restrittive per prevenire eventuali recidive.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *