Inchiesta a Napoli: Clan Contini sotto accusa per attività criminale

Inchiesta A Napoli: Clan Contini Sotto Accusa Per Attività Criminale Inchiesta A Napoli: Clan Contini Sotto Accusa Per Attività Criminale
Inchiesta a Napoli: Clan Contini sotto accusa per attività criminale - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 1 Luglio 2024 by Armando Proietti

Nell’ambito di un’ampia indagine condotta da diverse forze dell’ordine a Napoli, è emerso un intricato intreccio di attività illecite orchestrato dal clan Contini, parte dell’Alleanza di Secondigliano. Nonostante alcuni membri fossero detenuti con regime di massima sicurezza, non hanno esitato a continuare a gestire le attività criminali e imprenditoriali del clan, influenzando anche le azioni dei pentiti.

Strategie criminali e affari gestiti dalla cella 41bis

Secondo quanto riportato dalle autorità investigative, nonostante i capi del clan Contini fossero detenuti presso il carcere 41bis, erano in grado di impartire direttive ai propri uomini di fiducia per dirigere le attività criminali e imprenditoriali dell’organizzazione. Inoltre, cercavano attivamente di evitare che i collaboratori di giustizia fornissero informazioni alle autorità competenti.

Operazione congiunta delle forze dell’ordine

L’indagine condotta dalla Squadra Mobile di Napoli, dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri, dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria e dallo Scico della Guardia di Finanza ha portato all’esecuzione di un’ordinanza emessa su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia. Tale operazione ha portato all’arresto di quattro membri del clan, di cui due già detenuti, e al sequestro di beni e denaro ritenuti illeciti.

Accuse e reimpiego di capitali illeciti

Le accuse mosse ai membri del clan Contini includono associazione mafiosa, minacce, riciclaggio di denaro e autoriciclaggio. In particolare, tre di loro sono accusati di aver partecipato attivamente all’associazione mafiosa. Le indagini hanno anche rivelato un cambio di strategia dell’Alleanza rispetto ai rivali del clan Mazzarella, mettendo fine a una presunta “pace mafiosa”.

Capitali illeciti reinvestiti in attività legali

Nonostante la detenzione, i membri del clan gestivano ancora la distribuzione dei compensi tra i propri affiliati. Alcuni di loro avrebbero anche riciclato proventi illeciti in diverse attività economiche intestate a prestanome, tra cui imprese nel settore dei rifiuti ferrosi, della telefonia e degli affitti immobiliari. Questo con il presunto scopo di riciclare denaro ottenuto tramite truffe, come la vendita di orologi falsi a imprenditori facoltosi.

Il quadro che emerge da questa inchiesta mette in luce l’ingegno e la sfacciataggine con cui il clan Contini avrebbe gestito le proprie attività criminali e imprenditoriali, dimostrando una grande capacità nel nascondere le proprie tracce e reimpiegare capitali illeciti in attività lecite.

In sintesi, l’operazione congiunta delle forze dell’ordine ha portato alla luce un intricato intreccio di attività illegali messe in atto dal clan Contini, rivelando una rete di connivenze e strategie criminose che ha interessato diversi settori economici.

Approfondimenti

    Napoli: Città italiana situata nella regione Campania, celebre per la sua storia, la cultura, la gastronomia e la bellezza artistica. È nota anche per la presenza della criminalità organizzata, come la camorra, che ha radici profonde nel tessuto sociale della città.

    Clan Contini: Parte dell’Alleanza di Secondigliano, è un’organizzazione criminale operante nella zona di Napoli. Coinvolta in attività illegali come il traffico di droga, il riciclaggio di denaro e l’estorsione, è stata al centro dell’indagine condotta dalle forze dell’ordine.
    Alleanza di Secondigliano: Organizzazione criminale composta da vari clan attivi nella zona di Secondigliano, quartiere di Napoli. Si tratta di un’associazione di stampo mafioso che gestisce diverse attività illegali sul territorio.
    Carcere 41bis: Si tratta di un regime carcerario speciale introdotto in Italia per detenuti considerati estremamente pericolosi o appartenenti a organizzazioni criminali. Il regime limita fortemente i contatti con l’esterno per prevenire che detenuti possano continuare a gestire attività criminali anche dietro le sbarre.
    Squadra Mobile di Napoli: Unità investigativa della polizia italiana specializzata in indagini relative a criminalità organizzata, omicidi e gravi reati.
    Nucleo Investigativo dei Carabinieri: Reparto dei Carabinieri italiano specializzato nell’attività investigativa su reati di particolare gravità, inclusa la lotta alla criminalità organizzata.
    Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria: Reparto di polizia specializzato nelle indagini su reati economici e finanziari, come il riciclaggio di denaro e le frodi fiscali.
    Scico della Guardia di Finanza: Unita speciale della Guardia di Finanza italiana specializzata nel contrasto alle attività economiche illecite, inclusi il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo.
    Associazione mafiosa: Reato previsto dal codice penale italiano che punisce chiunque partecipi a un’associazione finalizzata alla commissione di reati, gestita da gruppi criminali organizzati.
    Clan Mazzarella: Altro gruppo criminale attivo a Napoli, con il quale il clan Contini è entrato in conflitto, interrompendo una presunta tregua tra le fazioni rivali.
    Questo articolo evidenzia la complessità delle attività criminali gestite dal clan Contini nonostante alcuni membri fossero detenuti in regime di massima sicurezza. L’operazione congiunta delle forze dell’ordine ha smantellato parte di questa organizzazione criminale, rivelando l’ampio spettro delle attività illegali condotte e la capacità di riciclaggio di capitali illeciti in settori economici leciti.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *