Il boom del settore del dating online

Pexels Photo 7552568

Nell’ultimo decennio o poco più, il modo di comunicare tra le persone ha subito delle profondissime modifiche. Le distanze si sono accorciate notevolmente con l’avvento dei social network e, di pari passo, si sono sviluppate anche nuove piattaforme digitali sulle quali ricercare veri e propri incontri, siano essi allo scopo di impegnarsi o, semplicemente, occasionali, ai fini di svago. Il mondo del dating online e delle nuove conoscenze in rete, poi, non ha potuto non subire una sferzata positiva dopo l’arrivo dell’emergenza pandemica e delle conseguenti quarantene, durante le quali le persone hanno fatto di tutto per trovare nuovi rapporti interpersonali utili a spezzare la monotonia della routine.

Se negli anni scorsi, del resto, l’iper-connessione offerta dai social network veniva vista come una soluzione particolarmente efficace per diminuire le distanze tra le persone, durante l’emergenza sanitaria globale, essi hanno ricoperto un ruolo ancor più importante, diventando veri e propri porti sicuri utili a preservare i rapporti coi conoscenti e i familiari e, addirittura, a conoscere nuove persone. Inutile dire, dunque, che il settore del dating online e dei siti di incontri occasionali abbia registrato un boom tale da essersi riflesso, come colpo di coda, anche al termine delle fasi più critiche della pandemia.

Le nuove offerte di svago digitali, dunque, hanno offerto e continuano a proporre nuove proposte di svago, sia duraturo che occasionale, mutando profondamente i processi di socializzazione. Ad oggi, il dating online è insito nell’immaginario collettivo, mostrando ancora segnali positivi come paradigma online. Scopriamo, nelle prossime righe, le varie dinamiche ad esso relative.

Pandemia ed upgrade dei siti d’incontri: le cause scatenanti del boom

Durante il COVID miliardi di persone provenienti da ogni angolo del globo sono state assoggettate dalla chiusura in casa forzata. Per questo motivo, in moltissimi hanno iniziato a trovare nuovi modi per evadere dalla routine delle mura domestiche, ormai viste come una prigione e non più come un luogo di ristoro. È proprio alla base di queste premesse che si pone l’utilizzo massificato e più intensivo delle piattaforme di dating online. Vien da sé, del resto, che il lockdown abbia reso la solitudine ancor più difficile da sopportare, soprattutto per le persone più socievoli che, insieme agli introversi, hanno deciso di farsi coraggio e mettersi in gioco su un nuovo campo: quello della rete.

Stando alle fonti ufficiali, nei mesi immediatamente successivi al termine delle fasi più critiche della pandemia, la gente avrebbe continuato a portare avanti le proprie conoscenze sui vari siti d’incontri online, per poi prendere coraggio dopo diverso tempo e incontrarsi di persona. Vien da sé, poi, che a questa tipologia di piattaforme, moltissima gente abbia preferito quelle dedicate agli incontri occasionali, al fine di trovare divertimento in maniera più celere e libera da qualsivoglia tipologia di impegno.

Al di là di questo, uno degli aspetti focali riguardanti lo sviluppo delle piattaforme di dating online è stato il progresso dal punto di vista software di cui sono state interessate. A fronte delle esigenze degli utenti durante i lockdown, infatti, i siti hanno visto le proprie funzionalità incrementare, offrendo, ad esempio, l’opzione di videochiamata, in modo da incentivare gli utenti a rimanere nei reami delle chat, invece di concretizzare l’incontro.

Il dating online nelle grandi città

Più che nelle piccole cittadine, il fenomeno della crescita intensiva delle piattaforme di dating si è registrato nelle metropoli. Le principali città italiane, infatti, hanno assistito ad un aumento delle ricerche di incontri Milano occasionali, ad esempio. Ovviamente, la medesima dinamica si è riproposta anche nelle altre metropoli del nord, del centro e del sud del Bel Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *