Epidemia di pertosse in Italia: La minaccia contagiosa

Epidemia Di Pertosse In Italia Scaled Epidemia Di Pertosse In Italia
Epidemia di pertosse in Italia: La minaccia contagiosa - Gaeta.it

Introduzione
La Società italiana di pediatria ha lanciato l’allerta per l’epidemia di pertosse, malattia dall’alto tasso di contagiosità e pericolosità, soprattutto per neonati e bambini nei primi mesi di vita. L’incremento dei casi registrati in Europa e in Italia evidenzia la gravità della situazione e l’importanza della prevenzione attraverso la vaccinazione.

La pericolosità della pertosse per i neonati
La pertosse rappresenta una minaccia significativa per i neonati, tra i quali si registra un rischio maggiore di complicanze e mortalità. La presidente della Sip, Annamaria Staiano, sottolinea l’importanza dell’immunizzazione della mamma durante la gravidanza per proteggere i bambini troppo piccoli per essere vaccinati. La mortalità nella fascia di età più vulnerabile è compresa tra l’1 e l’1,5%, rendendo urgente la diffusione della vaccinazione tra le future mamme.

I dati preoccupanti in Italia
In Italia, i casi di pertosse registrati da gennaio a maggio 2024 hanno provocato oltre 15 ricoveri in terapia intensiva di neonati e tre decessi. L’aumento dell’800% dei ricoveri rispetto agli anni precedenti riguarda principalmente neonati non ancora vaccinati, evidenziando la mancanza di informazione e copertura vaccinale tra le madri. I dati raccolti nel progetto Inf-Act in 7 centri specializzati a livello nazionale confermano l’urgenza di nuove strategie di prevenzione e terapia.

L’allarme in Campania: la situazione critica
La Campania si trova al centro di un allarme pertosse con oltre 30 ricoveri di lattanti affetti dalla malattia nei centri pediatrici di Napoli. L’assenza di coperture vaccinali adeguate e la diffusione del contagio tra i neonati pongono seri rischi per la popolazione più vulnerabile. È essenziale adottare misure urgenti per contenere l’epidemia e proteggere la salute dei bambini.

La crisi in Sicilia: aumento dei casi e carenza di vaccinazioni
In Sicilia, si registra un aumento significativo dei casi di pertosse tra neonati e lattanti, con 10 pazienti ricoverati in terapia intensiva neonatale all’ospedale di Cristina di Palermo. La carenza di coperture vaccinali tra le donne in gravidanza rappresenta un grave rischio per la salute dei bambini e necessita di interventi tempestivi per contenere la diffusione della malattia.

L’emergenza nel Lazio: il primo picco post-Covid
Nel Lazio, si è verificato il primo picco epidemico di pertosse dopo la pandemia da Covid-19, con 17 ricoveri di bambini nei primi mesi del 2024 all’Umberto I di Roma, di cui tre in terapia intensiva. Il confronto con i dati dell’anno precedente evidenzia un aumento significativo dei casi e la necessità di indagare sulle cause legate alla riduzione della diffusione di patogeni respiratori comuni durante la pandemia.

La necessità di mantenere alte coperture vaccinali
Per contrastare efficacemente la pertosse, è fondamentale mantenere alte coperture vaccinali in tutta la popolazione. Il vaccino, non conferendo un’immunità permanente, richiede richiami periodici secondo il calendario vaccinale e la vaccinazione delle donne in gravidanza. La prevenzione, attraverso la diffusione della cultura della vaccinazione, è cruciale per proteggere la salute dei neonati e ridurre la diffusione dell’epidemia di pertosse.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *