Emergenza ambientale nel **Lazio: approvata mozione del M5S

Emergenza Ambientale Nel Laz Emergenza Ambientale Nel Laz
Emergenza ambientale nel **Lazio: approvata mozione del M5S - Gaeta.it

Nel consiglio regionale del Lazio è stata approvata all’unanimità una mozione presentata dal gruppo M5S volta a contrastare il fenomeno delle discariche abusive e dei roghi tossici che minacciano l’ambiente e la salute dei cittadini. La mozione impegna il Presidente e la Giunta regionale a condurre una ricognizione generale delle situazioni ambientali a rischio, in particolare riguardanti le discariche abusive presenti sul territorio della regione. L’obiettivo è quello di creare una mappatura dettagliata e pianificare interventi di bonifica, anche dal punto di vista finanziario, al fine di ridurre e prevenire queste emergenze.

Programma straordinario di bonifica e prevenzione degli incendi

La mozione presentata dal M5S mira a avviare un programma straordinario di bonifiche delle situazioni considerate a maggior rischio, con particolare attenzione alla prevenzione di roghi tossici e incendi che periodicamente colpiscono la regione laziale. Si fa riferimento al Rapporto Ecomafie 2023 di Legambiente che evidenzia come il Lazio si posizioni al quarto posto per numero di incendi verificatisi negli impianti di trattamento dei rifiuti, con ben 144 roghi registrati negli ultimi dieci anni. Questi dati allarmano sulle criticità ambientali presenti e sull’urgente necessità di interventi mirati.

Impegno per la tutela ambientale e la cittadinanza

Il capogruppo M5S Lazio, Adriano Zuccalà, sottolinea l’importanza di dotare il Lazio di una mappatura precisa dei siti di stoccaggio e delle situazioni a rischio presenti sul territorio, al fine di garantire la tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini. È fondamentale monitorare, controllare e intervenire tempestivamente, supportando gli enti locali e contrastando con determinazione le attività illecite spesso legate ai roghi tossici. L’impegno delle istituzioni è cruciale per affrontare questa emergenza ambientale e garantire un futuro sostenibile per la regione laziale.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *