Decretata perquisizione contro ultras napoletani e siracusani dopo rissa pre-partita

Decretata Perquisizione Contro Ultras Napoletani E Siracusani Dopo Rissa Pre-Partita Decretata Perquisizione Contro Ultras Napoletani E Siracusani Dopo Rissa Pre-Partita
Decretata perquisizione contro ultras napoletani e siracusani dopo rissa pre-partita - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 4 Luglio 2024 by Elisabetta Cina

Attuazione del provvedimento

La Polizia di Stato ha eseguito un decreto di perquisizione personale, locale ed informatica, emesso dalla Procura di Nola, nei confronti di 20 tifosi ultras napoletani e 4 siracusani. Questa azione è scaturita dagli eventi avvenuti il 5 maggio precedente alla partita di serie D tra Real Casalnuovo e Siracusa Calcio, in cui è scoppiata una rissa.

Dinamica degli eventi

Nel pomeriggio del 5 maggio, un gruppo di ultras napoletani appartenenti a vari gruppi, tra cui Nuova Guardia, Masseria, Mastiffs, Barone, Spirito Libero, Rione Sanità, Nuova Stirpe e Sbandati, soliti frequentatori della Curva A dello Stadio Maradona, si sono radunati a Casalnuovo di Napoli. Indossando abiti scuri e mascherati, si sono diretti verso lo stadio comunale. Giunti in prossimità della piazza Nelson Mandela, si sono scontrati con i tifosi siracusani, dando vita a una violenta rissa utilizzando mazze da baseball, aste, e bastoni. Durante gli scontri, due tifosi siracusani sono rimasti feriti.

Cause degli scontri

Le tensioni durante l’incontro sono state ascrivibili al rapporto di rivalità esistente tra la tifoseria del Napoli e quella del Catania, storica avversaria della tifoseria siracusana. Le indagini sono state supportate dall’analisi delle telecamere di videosorveglianza. Il questore della provincia di Napoli ha avviato per gli indagati la procedura per l’irrogazione dei Daspo.

Questo articolo è una rielaborazione giornalistica a fini SEO. Tutti i diritti sono riservati.

Approfondimenti

    Personaggi famosi, politici, eventi storici o avvenimenti significativi menzionati:

    1. Nola
    2. Ultras napoletani
    3. Siracusani
    4. Casalnuovo di Napoli
    5. Napoli
    6. Catania

    Nola: Nola è una città della Campania, in provincia di Napoli. Storicamente nota per il suo patrimonio archeologico, è sede di importanti eventi culturali e sportivi. Nell’articolo, viene menzionata poiché la Polizia di Stato ha eseguito un decreto di perquisizione emesso dalla Procura di Nola nei confronti di tifosi ultras napoletani e siracusani.
    Ultras napoletani: Gli ultras napoletani sono tifosi particolarmente appassionati e spesso estremamente dedicati alla squadra di calcio del Napoli. Nell’articolo, si fa riferimento a un gruppo di ultras napoletani che è stato coinvolto in una violenta rissa con tifosi siracusani durante una partita di serie D.
    Siracusani: Con questo termine si fa riferimento ai tifosi o abitanti di Siracusa, città della Sicilia nota per la sua storia millenaria e il patrimonio archeologico. Nell’articolo, i siracusani sono coinvolti negli scontri avvenuti con gli ultras napoletani durante una partita di calcio.
    Casalnuovo di Napoli: Casalnuovo di Napoli è un comune della città metropolitana di Napoli. Viene menzionato nell’articolo poiché è il luogo in cui si sono verificati gli scontri tra ultras napoletani e tifosi siracusani prima di una partita di calcio.
    Napoli: Il Napoli è una delle squadre di calcio più famose d’Italia, con una tifoseria molto appassionata e numerosa. La rivalità tra i tifosi napoletani e quelli del Catania è nota, e viene citata come causa delle tensioni che hanno portato agli scontri durante l’evento descritto nell’articolo.
    Catania: Il Catania è un’altra squadra di calcio italiana, con sede in Sicilia. La rivalità tra i tifosi del Catania e quelli del Napoli è nota nel panorama calcistico italiano e ha contribuito ai conflitti tra ultras napoletani e siracusani durante la partita di serie D.
    Questi elementi sono importanti per comprendere il contesto degli eventi descritti nell’articolo e per apprezzare le dinamiche e le cause che hanno portato agli scontri tra i gruppi di tifosi.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *