Compagna inventa aggressione: 44enne libero dopo arresto per maltrattamenti e lesioni a Itri

Compagna Inventa Aggressione 1 1 Compagna Inventa Aggressione 1 1
Compagna inventa aggressione: 44enne libero dopo arresto per maltrattamenti e lesioni a Itri - gaeta.it

Revocata la detenzione domiciliare per l’uomo di Itri accusato di maltrattamenti in famiglia

Durata poco meno di tre giorni la detenzione domiciliare per un uomo di 44 anni di Itri, accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni ai danni della convivente infermiera professionale presso l’ospedale “Dono Svizzero di Formia”. Il sostituto procuratore Alfredo Mattei aveva chiesto la misura ai domiciliari, ma mercoledì si è verificato un colpo di scena durante l’interrogatorio di convalida. Il Gip del Tribunale di Cassino, Massimo Lo Mastro, ha revocato la detenzione domiciliare in quanto la presunta vittima si era inventata l’aggressione che affermava di aver subito.

L’uomo difeso dall’avvocato Pasquale Di Gabriele

L’uomo, difeso dall’avvocato Pasquale Di Gabriele, ha chiarito la sua posizione, dimostrando di aver subito un reiterato e ingiustificato attacco dettato dalla gelosia, peraltro immotivata, da parte della convivente. Ha anche precisato di essere stato lui a chiamare i carabinieri. Durante l’udienza di convalida, il 44enne ha mostrato i segni di un trauma al ginocchio, risultato di un’aggressione fisica subita. La difesa ha presentato una copiosa documentazione, tra cui foto e messaggi della coppia, che ha dimostrato la pretestuosità delle accuse mosse contro l’uomo.

Il Gip respinge la richiesta di applicazione di misura cautelare

Alla fine, il Gip Lo Mastro non ha convalidato l’arresto e ha respinto la richiesta di applicazione di misura cautelare. La revoca della detenzione domiciliare è stata decisa in base alle prove presentate dalla difesa, che hanno dimostrato la falsità delle accuse mosse contro l’uomo. La presunta vittima si è inventata l’aggressione, mettendo così in discussione la sua credibilità. L’uomo, dopo essere stato ingiustamente accusato, ha ottenuto la sua libertà e ha dimostrato di essere vittima di una situazione ingiusta e infondata.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *