Boeing Accetta di Pagare Multa Record per Incidenti Mortali dei 737 Max

Boeing Accetta Di Pagare Multa Record Per Incidenti Mortali Dei 737 Max Boeing Accetta Di Pagare Multa Record Per Incidenti Mortali Dei 737 Max
Boeing Accetta di Pagare Multa Record per Incidenti Mortali dei 737 Max - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 8 Luglio 2024 by Donatella Ercolano

Boeing, il gigante americano dell’aviazione, ha raggiunto un accordo storico con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti dichiarandosi colpevole in relazione agli incidenti mortali riguardanti i 737 Max. L’accordo prevede una multa record di 243,6 milioni di dollari, ponendo fine alle indagini che hanno coinvolto la compagnia aerea dopo le tragedie che hanno portato alla morte di 346 persone.

Accuse di Ingianni e Decisione di Dichiararsi Colpevole

I pubblici ministeri hanno accusato Boeing di aver ingannato le autorità di regolamentazione aeronautica, la Faa, riguardo all’approvazione e ai requisiti di addestramento dei piloti per il 737 Max. La scorsa settimana, l’azienda ha ricevuto l’opzione di dichiararsi colpevole e pagare la multa o affrontare un processo per cospirazione ai danni degli Stati Uniti.

Impegno Finanziario per Sicurezza e Conformità

Come parte dell’accordo, oltre alla multa, Boeing si è impegnata a investire almeno 455 milioni di dollari nei prossimi tre anni per potenziare i programmi di sicurezza e conformità. Questo impegno finanziario mira a garantire standard più elevati e a ridurre al minimo il rischio di ripetizione di tragedie come quelle legate ai 737 Max.

Prossimi Passi e Accordo in Vista

Il Dipartimento di Giustizia ha annunciato che insieme a Boeing sta elaborando i dettagli completi dell’accordo, che verranno presentati in tribunale entro il 19 luglio. L’azienda dovrà rispettare scrupolosamente i termini concordati, dimostrando un impegno concreto nel perseguire la sicurezza e la trasparenza nel settore dell’aviazione.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *