Attacco violento al consigliere Mauro Stasio a Fiumicino

Attacco Violento Al Consiglier Attacco Violento Al Consiglier
Attacco violento al consigliere Mauro Stasio a Fiumicino - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 13 Giugno 2024 by Laura Rossi

Introduzione:
Nel giorno 13 aprile 2024, un grave episodio ha scosso la città di Fiumicino provocando indignazione e sconcerto nell’opinione pubblica. L’aggressione subita dal consigliere Mauro Stasio ha generato una reazione unitaria da parte del gruppo consiliare di FdI Fiumicino, che ha rilasciato una nota stampa per esprimere solidarietà e condanna nei confronti di questo vile gesto. La vicinanza al consigliere è stata sottolineata con forza, insieme alla richiesta di condurre indagini approfondite per giungere a una piena e definitiva risoluzione del caso.

La condanna unanime e la richiesta di giustizia:
Il gruppo consiliare di FdI Fiumicino ha espresso con fermezza la propria condanna nei confronti dell’aggressione subita dal consigliere Mauro Stasio, definendola un atto orribile che non può e non deve essere ignorato. La solidarietà e la vicinanza al consigliere sono stati manifestati come segno di unità e sostegno in un momento di grande difficoltà. L’invito a condurre indagini approfondite sull’accaduto è stato enfatizzato come necessità imprescindibile per dare risposte certe e far emergere la verità dei fatti. L’ipotesi che l’aggressione possa essere stata determinata da divergenze politiche è stata definita meschina e pericolosa, in quanto aprirebbe la porta a una pericolosa escalation di violenza nell’ambito politico. La politica dovrebbe essere uno spazio di confronto pacifico e costruttivo, finalizzato al bene dei cittadini e della comunità, e non un terreno fertile per atti di violenza e intimidazione. La condanna unanime da parte della scena politica locale è stata interpretata come un segnale di unità e collaborazione che dovrebbero caratterizzare sempre il confronto tra le diverse forze politiche, come fondamento di una sana democrazia basata sul rispetto reciproco e sulla convivenza civile.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *