Arresto per detenzione di sostanze stupefacenti: il caso di Giuseppe Roselli

Arresto Per Detenzione Di Sost Arresto Per Detenzione Di Sost
Arresto per detenzione di sostanze stupefacenti: il caso di Giuseppe Roselli - Gaeta.it

Contesto:
Nella giornata di ieri, la Polizia di Stato ha eseguito l’ordine di esecuzione per la carcerazione di Giuseppe Roselli, classe 1968, condannato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente emesso dalla Procura della Repubblica di Cassino.

Arresto in flagranza di reato

La condanna di Roselli è giunta a seguito dell’arresto in flagranza di reato avvenuto il 21 luglio 2023. L’attività investigativa svolta dalla Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Gaeta, mirata al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, ha avuto origine da informazioni sul territorio riguardanti l’attività di spaccio di Roselli tra i Comuni di Gaeta e Itri.

Azione di osservazione discreta
Dopo aver individuato il soggetto, i poliziotti del Commissariato di Gaeta hanno effettuato un servizio di osservazione discreta fino al *Comune di Itri, dove hanno assistito a una cessione di sostanza stupefacente da parte di Roselli a un acquirente. All’intervento degli agenti, Roselli è stato bloccato e controllato.*

Ritrovamento di droga e perquisizione

Durante il controllo, Roselli ha consegnato agli agenti una dose di marijuana e successivamente è stata trovata una dose di cocaina nel suo possesso. Successivamente, una perquisizione dell’abitazione di Roselli a Fondi ha portato al ritrovamento di circa 1 chilo di marijuana e 1 chilo di cocaina, insieme a bilancini di precisione, materiale per il confezionamento e sostanza da taglio.

Risultanze investigative

Le indagini condotte hanno permesso di evidenziare la vastità dell’attività illegale condotta da Roselli, che includeva il traffico di numerose sostanze stupefacenti. Il suo arresto e la successiva condanna rappresentano un importante successo per le forze dell’ordine nell’ambito della lotta al traffico di droga.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *