Sequestro di un’impresa individuale e patrimonio milionario a Caivano: le indagini delle Forze dell’Ordine

Sequestro Di Unimpresa Indivi Sequestro Di Unimpresa Indivi
Sequestro di un’impresa individuale e patrimonio milionario a Caivano: le indagini delle Forze dell'Ordine - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 10 Luglio 2024 by Armando Proietti

Le autorità del Comando Provinciale di Napoli hanno eseguito un sequestro mirato a Caivano su disposizione della Procura della Repubblica di Napoli Nord, interessando un’impresa individuale unitamente a 9 autoveicoli per un valore complessivo di oltre 1 milione di euro.

La trama svelata dalle indagini

L’operazione intrapresa dai Finanzieri è emersa in seguito al ritrovamento di dosi di cocaina pronte per la vendita in possesso di una donna durante una ispezione presso il residence “Parco Verde” di Caivano. Le ricerche hanno portato alla luce collegamenti inaspettati che coinvolgevano veicoli impiegati per il trasporto di individui con precedenti penali all’interno di questa comunità.

L’impresa di autonoleggio sotto i riflettori

Un veicolo appartenente a una società di autonoleggio associata alla compagna di un individuo già incriminato per reati legati al traffico di sostanze stupefacenti è stato sequestrato nell’ambito di questa operazione. L’analisi approfondita delle entrate dichiarate dalla famiglia del soggetto in questione ha rivelato discrepanze significative rispetto al valore delle auto detenute dall’impresa, sollevando sospetti sulle attività svolte.

Schermatura e traffico illecito

Le stesse autovetture coinvolte nel sequestro sono state fermate più volte con a bordo individui con precedenti giudiziari, spesso parcheggiate in prossimità delle residenze dei criminali locali. Tale assegnazione di ruoli ha portato le autorità ad ipotizzare che l’azienda di autonoleggio costituisse un’interfaccia per il narcotraffico, fungendo da copertura per nascondere le attività di trasporto delle sostanze stupefacenti.

La reazione della magistratura

La Procura della Repubblica di Napoli Nord, in linea con le scoperte investigative condotte, ha sollecitato al Tribunale di Napoli l’adozione di misure patrimoniali preventive che hanno portato al sequestro dell’impresa e dei beni connessi, poiché si presumevano direttamente legati alle attività criminali del soggetto coinvolto.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *