Scandalo nel Lazio: abusi sui lavoratori nelle campagne di Borgo Santa Maria

Scandalo Nel Lazio: Abusi Sui Lavoratori Nelle Campagne Di Borgo Santa Maria Scandalo Nel Lazio: Abusi Sui Lavoratori Nelle Campagne Di Borgo Santa Maria
Scandalo nel Lazio: abusi sui lavoratori nelle campagne di Borgo Santa Maria - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 5 Luglio 2024 by Donatella Ercolano

Le campagne di Borgo Santa Maria, teatro della recente tragedia di Satnam Singh, sono nuovamente al centro di abusi e sfruttamento nei confronti dei lavoratori agricoli. Dormitori improvvisati, mancanza di tutele e lavoro sommerso sono solo alcune delle violazioni riscontrate dalle autorità.

Irregolarità diffuse in diverse province

A Latina, Rieti e Frosinone le irregolarità sembrano dilagare senza controllo. In particolare, un vivaio a Capannelle e aziende agricole ad Albano Laziale, Ariccia e Velletri sono state coinvolte in casi di sfruttamento e mancanza di regolare contrattualizzazione.

Azioni dei carabinieri contro il caporalato

Il Nucleo regionale di tutela del lavoro ha condotto controlli serrati e multato diversi datori di lavoro che sfruttavano manodopera irregolare. Le sanzioni inflitte e le denunce effettuate cercano di contrastare un fenomeno radicato e difficilmente debellabile, soprattutto durante le stagioni di maggiore raccolta.

Caso eclatante nel pontino

Nel territorio pontino, un’imprenditore è stato denunciato per caporalato: in una serra sono stati trovati due lavoratori del Bangladesh, uno dei quali impiegato in nero. La situazione di sfruttamento e degrado ha portato al sequestro di parte dell’azienda e a sanzioni amministrative salate.

Diffuse violazioni anche in altre zone

Anche a Rieti, Frosinone e nei dintorni di Roma sono emerse situazioni di grave illegalità nel settore agricolo. La mancanza di documenti, la formazione inadeguata e pessime condizioni di sicurezza sono all’ordine del giorno, con lavoratori impiegati senza contratto e senza permessi di soggiorno.

Bilancio dei controlli in Italia

Sui 310 aziende agricole controllate su tutto il territorio nazionale, ben il 66,45% presentava irregolarità. Dei 2.051 lavoratori verificati, il 30,03% lavorava in condizioni non conformi alla legge, con oltre il 10% completamente in nero. Un quadro allarmante che evidenzia la necessità di interventi mirati e incisivi per contrastare lo sfruttamento nel settore agricolo.

Sfide e prospettive

Il problema dello sfruttamento dei lavoratori agricoli nel Lazio e in tutta Italia è uno dei nodi cruciali da affrontare per garantire diritti e dignità a chi opera nel settore primario. L’opera di contrasto al caporalato è fondamentale, ma occorre anche una maggiore consapevolezza e vigilanza da parte di tutti gli attori coinvolti, affinché il lavoro nei campi non sia più sinonimo di abusi e illegalità.

Approfondimenti

    Satnam Singh è un individuo coinvolto nella recente tragedia avvenuta a Borgo Santa Maria, soggetto di interesse nell’articolo. Al momento non sono disponibili ulteriori dettagli per identificare la sua figura specifica.

    Borgo Santa Maria è una località menzionata nell’articolo, teatro di eventi tragici e di abusi nei confronti dei lavoratori agricoli.
    Latina, Rieti e Frosinone sono province italiane in cui sono state riscontrate irregolarità e casi di sfruttamento nei confronti dei lavoratori agricoli, come descritto nell’articolo.
    Capannelle, Albano Laziale, Ariccia e Velletri sono luoghi specifici menzionati nell’articolo dove si sono verificati casi di sfruttamento e mancanza di regolare contrattualizzazione nel settore agricolo.
    Il Nucleo regionale di tutela del lavoro è un’organizzazione menzionata che ha condotto controlli e multato datori di lavoro che sfruttavano manodopera irregolare al fine di contrastare il fenomeno del caporalato.
    Il Bangladesh è citato nell’articolo in relazione al caso di sfruttamento di due lavoratori trovati in condizioni illegali in una serra nel territorio pontino.
    Nel Lazio e in altre zone d’Italia sono state riscontrate situazioni di grave illegalità nel settore agricolo, come mancanza di documenti, formazione inadeguata e pessime condizioni di sicurezza per i lavoratori.
    Il fenomeno dello sfruttamento dei lavoratori agricoli in Italia è reso evidente dai dati sulle irregolarità nelle aziende agricole controllate a livello nazionale, sottolineando la necessità di interventi mirati per contrastare questo problema.
    La lotta al caporalato è indicata come fondamentale per garantire diritti e dignità ai lavoratori agricoli, evidenziando la necessità di maggiore vigilanza e consapevolezza da parte di tutti gli attori coinvolti.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *