Roma: Smantellata Centrale di Riciclaggio Gestita dai Clan

Roma Smantellata Centrale Di Roma Smantellata Centrale Di
Roma: Smantellata Centrale di Riciclaggio Gestita dai Clan - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 9 Luglio 2024 by Elisabetta Cina

Nell’ambito di un’indagine condotta dalla Direzione investigativa antimafia a Roma, sotto il comando del generale Michele Carbone, è emersa la presenza di una vasta centrale di riciclaggio gestita da due gruppi criminali operanti per diversi clan, con particolare focus sugli idrocarburi e il settore cinematografico.

Attività Illegale e Coinvolgimento dei Clan

L’indagine, avviata nel 2018 e coordinata dalla Procura di Roma, guidata dal procuratore Francesco Lo Voi, ha portato all’arresto di 18 persone e al sequestro di beni per oltre 130 milioni di euro. Si è scoperto che venivano create società “fittizie” per emettere false fatture, coinvolgendo imprenditori e liberi professionisti complici, al fine di riciclare ingenti somme di denaro per conto di clan campani e calabresi.

Coinvolgimento dei Principali Clan Criminali

Tra i principali indagati, si trovano Antonio Nicoletti e Pasquale Lombardi, che avrebbero agito per conto di clan camorristici e della ‘ndrangheta, come Mazzarella-D’Amico e altre cosche calabresi. L’attività criminale si estendeva anche alla mafia romana, evidenziando legami intricati tra diverse organizzazioni criminali.

Rete Relazionale e Coinvolgimento dei Clan Napoletani

Le indagini hanno rivelato una fitta rete di relazioni legate alla famiglia calabrese Gangemi, che fungeva da epicentro delle attività illecite. Le interconnessioni tra i Gangemi, i fratelli Nicoletti e Pasquale Lombardi hanno delineato un quadro operativo consolidato sul territorio, con la partecipazione attiva di clan camorristici di spicco come i D’Amico/Mazzarella.

Conclusione Operativa e Impatti sulla Società

L’ampia portata delle attività illegali che minano non solo l’economia, ma anche la stabilità sociale. Lo smantellamento di questa centrale di riciclaggio rappresenta un importante passo nel contrasto alle attività criminali che sfruttano settori economici fondamentali per il benessere della società.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *