Ilaria Salis Otterrà la Libertà Domiciliare: Dettagli sulla Decisione del Tribunale Ungherese

Ilaria Salis Otterra La Libert Ilaria Salis Otterra La Libert
Ilaria Salis Otterrà la Libertà Domiciliare: Dettagli sulla Decisione del Tribunale Ungherese - Gaeta.it

Con la decisione di oggi, il tribunale ungherese ha accolto la richiesta di domiciliari e cauzione presentata per Ilaria Salis, insegnante italiana detenuta in Ungheria dal 11 febbraio 2023. Vediamo nel dettaglio i punti salienti della sentenza e le implicazioni per la donna.

La Decisione del Tribunale di Budapest

Imputata nel procedimento avviato lo scorso 28 marzo davanti ai giudici di Budapest, Ilaria Salis dovrà versare una cauzione al tribunale distrettuale di Elsofoku per ottenere la libertà domiciliare. La detenzione in carcere terminerà con il pagamento dell’importo stabilito entro un mese. Inoltre, è prevista una sorveglianza speciale fino alla pronuncia finale sul caso.

Le Condizioni della Libertà Domiciliare

Una volta assegnata la libertà domiciliare, Ilaria Salis potrà uscire dalla propria abitazione solo previa autorizzazione del tribunale, affiancata dall’obbligo di indossare un braccialetto elettronico per il controllo degli spostamenti. Queste restrizioni mirano a garantire il rispetto delle norme e a monitorare le attività della donna al di fuori del carcere.

La Cifra della Cauzione e le Prospettive Futuro

Il pagamento della cauzione, fissata a 40mila euro, è una tappa cruciale per il rilascio di Ilaria Salis. Secondo l’avvocato Mauro Straini, il denaro raccolto tramite una campagna di crowdfunding sarà utilizzato per coprire le spese legali, mentre in caso di necessità interverrà la famiglia. Mentre si attendono i dettagli sul bonifico, il padre, Roberto Salis, si mostra ottimista sul rapido esito della procedura.

Le Prospettive per il Futuro di Ilaria Salis

In vista delle prossime elezioni europee del 2024, dove si candida con il partito Avs, Ilaria Salis potrebbe beneficiare della libertà domiciliare per continuare la sua attività politica. La famiglia ha già individuato un domicilio in Italia per garantire il rispetto delle condizioni imposte dalla giustizia ungherese. Le eventuali implicazioni sull’immunità derivante da una possibile elezione potrebbero rendere più agevole il passaggio alla fase successiva del processo legale.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *