Celebrazione della Festa della Repubblica

Celebrazione Della Festa Della Celebrazione Della Festa Della
Celebrazione della Festa della Repubblica - Gaeta.it

In occasione del 78° anniversario della Festa della Repubblica, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella depone una corona d’alloro all’Altare della Patria, segnando il momento solenne delle celebrazioni. Presenti le alte cariche dello Stato, tra cui la premier Giorgia Meloni, i presidenti di Senato e Camera Ignazio La Russa e Lorenzo Fontana, e il ministro della Difesa Guido Crosetto, a Piazza Venezia. Lo scenario del cielo grigio è illuminato dalle evoluzioni delle Frecce Tricolori che colorano la cerimonia con il tricolore italiano.

Riflessioni sul significato della Repubblica

_”Il nostro impegno per la libertà nel mondo”

Il Presidente Mattarella sottolinea l’importanza di celebrare l’anniversario della Repubblica italiana, richiamando i valori fondanti della nazione e della Costituzione. L’indipendenza e la libertà sono principi che devono essere difesi e promossi costantemente, in un’ottica di collaborazione e solidarietà internazionale. L’Italia si conferma vicina ai popoli che lottano per la libertà ovunque nel mondo, sostenendo la pace e la stabilità internazionali. Le Forze Armate svolgono un ruolo cruciale in questo contesto, contribuendo alla sicurezza e alla protezione delle popolazioni civili in situazioni di conflitto.

Riconoscimento ai caduti e all’impegno delle Forze Armate

In questo clima di celebrazione e riflessione, il Presidente Mattarella rende omaggio ai caduti che hanno sacrificato le loro vite per difendere i valori della comunità italiana e garantire l’unità e la democrazia del Paese. Un pensiero deferente va a coloro che hanno contribuito a costruire un’Italia forte e libera. In occasione della Festa della Repubblica, il popolo italiano esprime il proprio apprezzamento e gratitudine a tutti coloro che fanno parte delle Forze Armate, augurando loro il migliore dei destini mentre svolgono il loro importante servizio per la nazione.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *