Blitz della Dia a Roma: 18 arresti e rivelazioni inquietanti

Blitz Della Dia A Roma 18 Arr Blitz Della Dia A Roma 18 Arr
Blitz della Dia a Roma: 18 arresti e rivelazioni inquietanti - Gaeta.it

Ultimo aggiornamento il 10 Luglio 2024 by Elisabetta Cina

Nel cuore di Roma, 18 arresti scuotono la città con rivelazioni sconvolgenti sul connubio fra politica e mafia. Le intercettazioni telefoniche hanno svelato un quadro allarmante, dove il denaro sporco scorreva liberamente tra le attività illecite della malavita. Un recente blitz della Dia ha portato alla luce un intricato intreccio di corruzione, riciclaggio di denaro e traffico di armi che ha gettato una luce sinistra sulla capitale italiana.

Gli arresti e le connessioni pericolose

Diciotto individui sono finiti in manette, di cui due ai domiciliari, nel corso dell’operazione condotta dalla Dia. Tra di loro figurano anche i discendenti di noti boss mafiosi, Michele Senese ed Enrico Nicoletti. Questa azione, giunta sei anni dopo l’operazione “Assedio”, ha rivelato un intricato sistema di riciclaggio di capitali illeciti attraverso società fittizie, frodi fiscali e persino produzioni cinematografiche.

L’ombra della corruzione sulla Città Eterna

“Roma è la capitale. Qui la politica è mafia e sono tutti corrotti”, risuonano le parole di Umberto Luongo e Salvatore Pezzella in un’intercettazione telefonica, rivelando crudi dettagli sul sistema corrotto che permeava la città. Nonostante siano passati cinque anni e una pandemia, poco sembra essere cambiato in un panorama dove l’ombra della criminalità organizzata si estende dal centro cittadino fino al litorale.

Mafia a Roma: dal centro alla periferia

La recente operazione antimafia ha scosso la Capitale, rivelando attività illecite diffuse dal cuore di Roma al suo perimetro. Luoghi prestigiosi come piazza di Spagna e la Balduina sono stati coinvolti, insieme a quartieri come Aurelio e via Flaminia, teatro di sequestri di società legate a produzioni cinematografiche. Le indagini si sono estese anche verso il litorale romano, coinvolgendo aree come Casal Palocco, l’Infernetto e Fregene, dove si nascondeva addirittura un capoclan della camorra.

Aree d’interesse e scovando le connessioni

Non solo intrattenimento e cinema, ma anche settori come l’edilizia e i carburanti sono stati coinvolti in queste attività illecite. Il denaro sporco veniva riciclato non solo attraverso falsi fronti aziendali, ma anche grazie al traffico di armi che vedeva armamenti illegali giungere fino alla capitale. Importanti figure come il produttore cinematografico Daniele Muscariello e l’ex calciatore Giorgio Bresciani sono state trascinate in questo vortice di illegalità, svelando connessioni pericolose e inaspettate.

Le intricanti operazioni di riciclaggio

Le intercettazioni hanno rivelato scambi di denaro rilevanti, con cifre anche fino a mezzo milione di euro trasferite mensilmente in contanti. Questi capitali illeciti, provenienti dal traffico di droga, venivano riciclati attraverso diversi settori economici, inclusi musica, cinema, costruzioni e combustibili. Un ruolo di rilievo è stato attribuito ad imprenditori come Alberto Coppola, sottolineando l’estensione e la complessità di queste attività illegali che si annidavano nel cuore della Capitale.

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *