Diritto&Donna promuove l’iniziativa “Rosso a chi tocca” insieme al comune di Gaeta

Rosso A Chi Tocca Rosso A Chi Tocca

L’Associazione “Diritto&Donna”, con il patrocinio del Comune di Gaeta, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, promuove l’iniziativa “Rosso a chi tocca”, partito il 25 novembre e che si concluderà giovedì 22 dicembre, con un torneo di calcio a 5 femminile, che vedrà impegnata in prima linea l’ASD Laundromat Gaeta Futsal. Un calendario di eventi mirato alla sensibilizzazione verso il contrasto di ogni discriminazione, sopruso e disuguaglianza di genere, e al ricordo di tutte le vittime di maltrattamenti, abusi e femminicidi.

Calcio A 5 3

Il progetto è stato realizzato grazie alla collaborazione con altre associazioni del territorio – Associazione Italiana ArbitriSezione di Formia, Gaeta Padel e ASD Laundromat Gaeta Futsal – che ancora una volta hanno confermato il grande impegno del mondo dello sport a 360 gradi nella divulgazione di questo importante messaggio, e soprattutto dimostrato quanto l’unica strada per raggiungere obiettivi e traguardi sempre più alti sia il lavoro di squadra: perché solo uniti si vince.

 

«La violenza di genere è una piaga sociale e culturale – ha dichiarato il Sindaco, Cristian Leccese – e una grave violazione dei diritti umani, che chiama ognuno di noi non solo a fermarci a riflettere, ma soprattutto a porre in essere azioni per combatterla ed eliminarla. Per questo, sosteniamo con grande convinzione l’iniziativa dell’Associazione “Diritto&Donna”, che vede anche il coinvolgimento di tante altre realtà del nostro territorio, e ci aiuta a diffondere un messaggio chiaro e deciso: stop alla violenza sulle donne. Secondo dati del Ministero dell’Interno, tra agosto 2021 e luglio 2022, su 125 donne assassinate in Italia, ben 108 sono state uccise in un contesto familiare o affettivo, una ogni tre giorni. Un dato a dir poco preoccupante, che ci obbliga a far rimanere sempre alta la nostra attenzione, per offrire a tutte le vittime una reale possibilità di riscatto e libertà da ogni maltrattamento, che sia fisico, psicologico o economico».

 

Add a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *