nemi

Due residuati della Seconda Guerra Mondiale, due bombe proiettili da mortaio di cannone tedesco del tipo Flak 88 che risalgono al periodo tra il ’43 e ’44, ancora perfettamente intatti con polvere esplosiva all’interno e spolette inserite sono state rinvenute all’interno di una cantina del borgo in zona Piazza del Municipio di Nemi: alla bonifica ci hanno pensato gli artificieri del Sesto Reggimento Genio pionieri Battaglioni Nemi di Roma dell’Esercito italiano, specialisti nella bonifica di ordigni bellici, intervenuti oggi a disinnescare le bombe.

nemi

 

Ringraziamo – dichiara il Sindaco di Nemi Alberto Bertucci il Capo di Stato Maggiore dell’ Esercito di aver reso possibile l’intervento del Sesto Reggimento. Inoltre come sempre è stato prezioso il supporto dei Carabinieri della stazione di Nemi, presenti con il comandante maresciallo Dario Riccio, la Polizia Locale e i volontari della Protezione Civile di Nemi – conclude il Sindaco di Nemi Bertucci

nemi

Gli ordini dopo essere stati tolti in piena sicurezza saranno poi fatte brillare in una cava dei Castelli Romani, in un’area vasta in totale sicurezza, come avviene in questi casi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *